Se non voto il mio voto a chi va

Se non voti il tuo voto non esiste, e un voto che non esiste, come è ovvio, non va a nessuno.

Negli ultimi anni in prossimità delle elezioni circolano sempre allarmanti comunicati in cui viene affermato che “se non voti il tuo voto va alla maggioranza”, spesso facendo riferimento al “premio di maggioranza” o a fantomatici cavilli nascosti in leggi inesistenti.

Il premio di maggioranza consiste in una quantità di seggi assegnata alla lista o coalizione che ottiene il maggior numero di voti ed ottiene quindi la maggioranza relativa.

La maggioranza relativa si calcola in base alla somma dei soli voti validi, quindi voti per i partiti o le liste che superano le relative percentuali di sbarramento. Non vengono considerati i voti per liste o partiti che non superano tali percentuali, i voti nulli, e tantomeno i non-voti.

Inoltre per le assegnazioni dei seggi non viene presa in considerazione l’intera popolazione italiana avente diritto al voto, ma solo quella che abbia materialmente votato, quindi non votando non si contribuisce ad alcuna ripartizione.

Se non voto il voto non esiste..


Un commento su “Se non voto il mio voto a chi va

    Gyl dice:
    01/06/2015 alle 19:08

    Se le persone libere da vincoli clientelari non votano, lasciano il campo libero alle persone con vincoli clientelari. Non votando, si lascia il paese (la regione, la città) in mano a chi vuole fare i propri comodi e i propri guadagni a discapito della cittadinanza.

Comments are closed.